ColorAid

COLORAID 2018: RESTITUIRE DIGNITÀ ALL’INDIVIDUO

Con ColorAid lo scopo di Radio Colore e Colore & Hobby è quello di coinvolgere i principali attori del mondo dell’edilizia in un progetto che si rivolge al sociale, in maniera unitaria, concertando le energie di operatori sensibili e convogliandole in un fronte comune sempre più ampio e unito, capace di farsi carico, nel piccolo della sua dimensione settoriale, di una responsabilità sociale imprescindibile, che porti l’industria ad agire concretamente sui problemi di una società di cui è parte integrante. Il modo che la nostra casa editrice ha trovato per assumersi il ruolo di guida e sprone in questo senso è creando un progetto di comunicazione come ColorAid che ha in sé una dimensione molto concreta ed una componente altrettanto imprescindibile di documentazione e diffusione, perché il nostro ed altri comparti ne prendano atto e da esso possano prendere spunto.

Consulenti e collaboratrici di Radio Colore da alcuni mesi, Francesca Motta e Antonella Sivaglieri sono le decoratrici blogger de La Coloratrice, il blog che racconta come reinterpretare non solo gli spazi ma anche gli oggetti di casa. Queste due eccellenti professioniste esperte di cromatologia, interior design e arte sono in grado di trattare e trasformare completamente quei mobili che hanno bisogno di trovare un nuovo stile! Questo è quello che hanno fatto prestando la loro professionalità a ColorAid, dove con piccoli interventi e un progetto studiato ad hoc hanno dato colore e nuova vita ad un mobilio davvero compromesso! La Coloratrice e Radio Colore: una collaborazione che continuerà a crescere, creando insieme!

Si è concluso con successo il secondo cantiere di ColorAid, che ha ristrutturato e trasformato i due spazi SPRAR (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati) di Caronno Pertusella attraverso la riqualificazione degli appartamenti, il ripristino di parti ammalorate, l’applicazione di materiali di alta qualità ed un’accurata progettazione cromatica coerente con le esigenze degli ospiti della struttura. Il risultato è un ambiente più accogliente, confortevole, luminoso e allegro, volto a dare un piccolo contributo in termini di benessere abitativo e qualità di vita al complesso e validissimo sistema che caratterizza il progetto di accoglienza integrata. Un ringraziamento particolare ai ragazzi della Cooperativa Intrecci che si sono dimostrati collaboratori preziosi oltre che persone fantastiche.

Chi rende possibili i lavori di ColorAid?

I lavori di ColorAid sono interamente coordinati da Giovanni Napolitano, decoratore professionista e consigliere di Anvides, l’associazione di categoria delle imprese di verniciatura, restauro, decorazione e finiture edili, con la partecipazione delle due esperte decoratrici di interni Francesca Motta e Antonella Sivaglieri, del blog www.lacoloratrice.com. A sostenere il progetto con un impegno fondamentale per la sua riuscita sono alcuni importanti marchi attivi nel mondo dell’edilizia e della riqualificazione: Aguaplast, Colorificio Feroni, Colorificio Sammarinese, Festool Italia, Risanarè, Storch Italia, G&P Fratelli Tassani, Tecmec, Waler e Wallpepper.
Questi preziosi partner hanno unito le forze, dando un bellissimo esempio di solidarietà, partecipazione e spirito di collaborazione. Grazie di cuore a queste aziende!

Un nuovo cantiere per ColorAid. 18 giugno 2018: al via i lavori di ristrutturazione degli spazi SPRAR -Sistema di Protezione Richiedenti Asilo e Rifugiati- gestiti dalla cooperativa Intrecci, destinati all’accoglienza di persone rifugiate, seguite e accompagnate nella costruzione dell’autonomia sociale, abitativa e lavorativa dagli operatori della stessa cooperativa. Quello di Caronno Pertusella rappresenta la seconda tappa del progetto che ha come obiettivo la riqualificazione di spazi del terzo settore destinati all’accoglienza attraverso la collaborazione tra privati e Istituzioni. L’iniziativa di forte valenza solidale e patrocinata dal comune di Caronno Pertusella, vede la partecipazione degli studenti del Liceo scientifico statale G.B. Grassi di Saronno nell’ambito dei progetti di alternanza scuola/lavoro.

Anche questa volta grandi le speranze, grandi le aspettative, grandissimo l’entusiasmo! Non resta che rimboccarsi le maniche e vedere cosa succederà questa volta…

COLORAID 2017: UNA ONLUS PER BAMBINI E MAMME

E dopo tanto lavoro ecco alcune immagini della ristrutturazione di Casa Accoglienza Arché, una struttura che ricordiamo essere stata data in concessione dal Comune alla Fondazione e che Arché ha trasformato in comunità nel 1997. Dagli anni Settanta la palazzina che ospita attualmente nove nuclei familiari mamma-bambino non è stata mai oggetto di ristrutturazione se non per piccoli interventi di manutenzione. In queste due settimane di lavori ColorAid ha permesso di ridipingere le pareti, rinnovare i pavimenti, sistemare e ridipingere gli infissi, riverniciare le porte e riqualificare lo scantinato con prodotti specifici che impediranno la formazione di muffe.
Il risultato, come si può vedere, non è solo ordinato e pulito ma bello! Un vezzo, per esempio, è stato quello di inserire decorativi perlescenti e glitterati nel progetto colore. Per i bambini un regalo in più è l’aggiunta di pittura a lavagna colorata in ogni stanza, realizzata con forme e disegni divertenti e bellissimi!

Se tutti i soggetti coinvolti nella magica esperienza di ColorAid hanno dimostrato un entusiasmo contagioso, questo vale anche per i nostri sponsor che hanno partecipato in maniera molto attiva al cantiere, con sopralluoghi, visite frequenti ed una collaborazione costante. In molti hanno inviato i loro tecnici specializzati per realizzare lavorazioni particolari o per sovrintendere ai lavori. In vario modo Amonn®, J Colors (brand Tattoo e Vip), Mirka, Monzo Paint (Pittura Lavagna®), Pennelli Cervus, Prima®, Rigo® e Risanaré® si sono spese a tutto tondo respirando dall’interno l’atmosfera di ColorAid e condividendo il senso profondo che ci ha spinti ad intraprendere questa bellissima esperienza. I protagonisti del progetto sono loro!

All’iniziativa partecipa anche il Liceo Scientifico milanese Alessandro Volta nell’ambito del percorso di alternanza scuola-lavoro, reso obbligatorio dal decreto legge 107/2015.
L’adesione a ColorAid ha una doppia valenza per i ragazzi del Liceo Volta, che da un lato si impegnano in un lavoro pratico e ‘di fatica’ e dall’altro entrano in contatto diretto con il mondo del sociale operando fattivamente su una realtà del loro territorio ed agendo con essa per la collettività. Aspetti fondamentali di questa iniziativa sono la sensibilizzazione rispetto a problematiche esistenziali e psicologiche e l’attuazione dei valori della partecipazione e dell’azione responsabile, semi che daranno sicuramente i loro frutti.
Grazie anche a questi splendidi ragazzi che si sono impegnati con grandissima energia e serietà!

Radio Colore e Colore & Hobby si pongono come collettori e capofila di un progetto articolato che mira a far incontrare il mondo dell’edilizia e quello del sociale, creando valore a vantaggio dei soggetti più deboli e per la collettività. Con ColorAid il comparto dell’industria edile si mette a servizio del sociale per creare un nuovo modello di business sostenibile che basa sul concetto di valore condiviso e impegno civico a vantaggio della comunità in cui opera. A sostenere il progetto con un impegno fondamentale per la sua riuscita sono: Amonn® con le vernici per legno, gli smalti per ferro e i collanti per pavimento; J Colors con i marchi Tattoo e Vip per le pitture e i decorativi; Mirka con le macchine per la preparazione dei supporti in legno; MonzoPaint con la Pittura Lavagna®; Pennelli Cervus con attrezzi e abbigliamento tecnico da lavoro; Prima® con gli stucchi problem solving; Rigo® con le macchine per spruzzatura e Risanaré® con i sistemi anti-umidità. Questi preziosi partner hanno unito le forze, dando un bellissimo esempio di solidarietà, partecipazione e spirito di collaborazione.
Grazie di cuore a queste aziende!

A Milano nasce ColorAid, un nuovo progetto di edilizia etica che convoglia le energie delle aziende operanti nel settore edile per riqualificare e riprogettare il colore delle strutture di accoglienza operanti nel sociale. Il primo cantiere di questa iniziativa è Casa Accoglienza Arché, che si prende cura del nucleo mamma-bambino, accompagnandolo nella costruzione dell’autonomia sociale, abitativa e lavorativa.
Il percorso, che prende avvio quest’anno, prevede una serie di interventi di riqualificazione e riprogettazione cromatica di spazi con funzione sociale. Il presupposto da cui nasce ColorAid è che un ambiente sano, confortevole, non degradato e, soprattutto, colorato aiuti il benessere psicologico di chi lo vive. Il ‘progetto casa’ ed il colore vengono sfruttati come stimoli positivi e fondativi a livello psicologico ed esistenziale. Con questo approccio ColorAid ha scelto di lavorare con Fondazione Arché per creare insieme un ambiente confortevole e rassicurante, in cui le giovani mamme che hanno superato tante difficoltà potranno ritrovare equilibrio e solidità per ricominciare a vivere ‘a colori’ con i loro bambini!

Con ColorAid, Radio Colore si impegna a promuovere e sostenere i progetti destinati ai soggetti più deboli.
Le iniziative di ColorAid coinvolgono le aziende più sensibili alle tematiche sociali ed i maggiori operatori attivi nelle politiche sociali, con l’obiettivo di creare un circolo virtuoso che porti benefici ai più bisognosi diffondendo conoscenza e consapevolezza nell’intera collettività.

Il mondo del colore cresce assumendosi una responsabilità sociale importante, commisurata al peso che il comparto dell’edilizia e delle costruzioni ha nel sistema economico italiano.
Le aziende che si fanno carico di questa dimensione sociale dimostrano di conoscere e saper interpretare al meglio il proprio ruolo nella comunità nazionale.