Quando la carta da parati salva dalla banalità